Resta in contatto

Amarcord

Auguri Palermo per i tuoi primi 118 anni

Ripercorriamo la storia del club rosanero dagli albori ai giorni nostri

La storia della Società di Via del Fante  iniziò infatti il 1° novembre 1900 con la fondazione dell’Anglo-Palermitan Athletic and Foot-Ball Club per volontà di Ignazio Majo Pagano.

Come riportato dallo storico Vincenzo Prestigiacomo, la notizia della nascita del club venne data nell’edizione del Giornale di Sicilia del 19-20 dicembre 1900 nell’articolo a firma Frank Rosso: “L’Athletic Club a Palermo. Il primo novembre si è fondato a Palermo l’Anglo-Palermitan Athletic and Foot-Ball Club. L’A. P. A. Foot-Ball Club ha il fine di promuovere il foot ball, il cricket, il lawn tennis e altri sports. Presidente è Mister E. M. De Garston, vice console d’Inghilterra a Palermo. La sede dell’Associazione è nella villa Carini, in via Emanuele Notarbartolo, presso il Giardino Inglese. Colà sorge anche il campo dei giuochi. Un saluto ed un augurio a questo club, che sorge sotto i più lieti auspici. Il genere di Sport a cui esso è dedicato è tenuto in grande onore in Inghilterra, in Francia e nei maggiori centri d’Europa. Anche a Palermo havvi molto a fare al riguardo, onde il nuovo Club conta già un bel numero di soci ed il suo sorgere è stato salutato dalle più vive simpatie“.

Il primo match ufficiale si disputò il 30 dicembre 1900 sul terreno di gioco di Via Notarbartolo contro un team inglese. Questa la prima formazione del Palermo: 1 E. M. De Garston, 2 George Blake, 3 Norman Olsen, 4 Felice Pirandello, 5 Walter Gaffiero, 6 Vincenzo Pojero, 7 Benoit Marino, 8 Enrico Giaconia, 9 Natale De Stefani, 10 Roberto Pojero, 11 Matteo Macaluso.

I primi colori sociali furono il rosso ed il blu, sostituiti dal rosa e dal nero a partire dal 27 febbraio 1907.

La svolta del Palermo in pianta stabile in serie A arrivò al termine della stagione 2001-02, quando, il 21 luglio 2002, grazie a Maurizio Zamparini che prese il posto dell’allora patron Franco Sensi acquistando il pacchetto azionario di maggioranza inizio  una veloce risalita vero la massima serie.

In sole due stagioni il club tornò in massima serie dopo 31 anni di assenza e a 32 anni dalla promozione precedente. Nell’anno del ritorno in Serie A, il Palermo, con la nomina di Francesco Guidolin come allenatore, approda, per la prima volta nella sua storia, in Coppa UEFA, traguardo ottenuto anche nelle due stagioni successive.

Sotto la guida di Delio Rossi, nella stagione 2009-2010 la squadra torna a centrare l’obiettivo europeo e batte diversi record. In due occasioni manca la qualificazione ai preliminari di Champions League per soli due punti di distacco dal quarto posto: nel primo caso nella Serie A 2005-2006 (dopo la sentenza su Calciopoli) e nel secondo caso proprio nella Serie A 2009-2010. Nella stagione 2010-2011 i rosanero raggiungono la terza finale di Coppa Italia della loro storia, a distanza di 32 anni da quella precedente, subendo ancora una sconfitta, stavolta a opera dell’Inter.

Al termine della stagione 2012-2013 il Palermo torna in Serie B, dopo aver militato in massima serie per nove anni consecutivi, con cinque qualificazioni alle competizioni europee e con una finale di coppa nazionale. L’anno successivo vince il campionato di Serie B 2013-2014, con cinque giornate d’anticipo e 86 punti, aggiudicandosi la sua prima Coppa Ali della Vittoria.

Il 17 ottobre del 2016-2017 il Palermo disputò, contro il Torino, la sua millesima partita in Serie A.[11]

Il 6 marzo 2017 Zamparini ufficializzò un accordo con l’italoamericano Paul Baccaglini, del gruppo Integritas Capital, per l’acquisto dell’intero pacchetto azionario entro il 30 aprile. Tuttavia, nel mese di luglio, il passaggio di proprietà venne annullato essendo venuto fuori che gli interessi non erano quelli di nè di investire per migliorare la squadra nè di mantenere la squadra in Serie A  e così Baccaglini decadde dalla carica di presidente.

Il 7 maggio il Palermo, dopo due salvezze consecutive in A, retrocede nuovamente in B.

La squadra ha raggiunto i migliori risultati sportivi negli anni duemila, con Zamparini Presidente, durante i quali ha chiuso tre edizioni del campionato di massima serie al 5º posto ed è arrivata sino agli ottavi di finale della Coppa UEFA 2005-2006. Ha in bacheca una Coppa Italia di Serie C vinta nel 1992-1993.

Il più alto posizionamento ottenuto dal club nel ranking UEFA è stato il 51º posto nel 2007. Secondo la classifica stilata mensilmente dall’IFFHS, invece, il più alto piazzamento mai ottenuto è stato il 19º posto, raggiunto sia a febbraio[2] che a giugno del 2006.[3] In base a un’altra classifica dello stesso ente, la società rosanero è al 121º posto delle migliori squadre al mondo considerando il periodo che va dal 1º gennaio 1991 al 31 dicembre 2009.[4] Attualmente la FIGC la considera al 17º posto nella graduatoria della tradizione sportiva della federazione e si pone 16º nella classifica perpetua della Serie A.

Se si considerano anche le 3 finali di Coppa Italia disputate (19741979 e 2011), i 5 campionati di Serie B vinti e la sua storia ultracentenaria con importanti trofei conquistati nel primo ventennio del XX secolo (Coppa Whitaker,  Coppa Lipton), il Palermo rappresenta un’importante realtà calcistica del Mezzogiorno d’Italia.

Dal 2008, l’Unione Sportiva Città di Palermo è inoltre uno dei membri ordinari, con diritto di voto, dell’ECA – Associazione dei Club Europei, organizzazione internazionale che ha preso il posto del soppresso G-14 e composta dai principali club calcistici riuniti in consorzio al fine di ottenere una tutela comune dei diritti sportivi, legali e televisivi di fronte alla FIFA.

Ed al Palermo gli auguri speciali su twitter di un ex che ora milita nelle fila della Juventus , Paolino Dybala.

“E buon compleanno anche al , grazie di tutto !”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Amarcord