Resta in contatto

News

Frosinone-Palermo, il comunicato della società sul silenzio della Corte Sportiva

Non sapendo come fare a riconoscere che i rosanero devono giocare in serie A si continua a perdere tempo per poter dire che è passato troppo tempo e la serie A è andata avanti. Nei tifosi sorge spontanea la domanda: “Ma il tempo chi l’ha perso e lo sta perdendo?” 

L’ingiustizia sportiva continua ad imperare ed il Palermo anzichè giocare in serie A è costretto a giocare in serie B tutto questo perchè come è notorio e ribadito anche dalle tifoserie di tutta Italia è in atto un tentativo di truffa nei confronti della società di via del Fante che grazie all’infinità di comportamenti sleali, antisportivi ma anche illeciti ed illegali come dimostrano i fatti avvenuti nella partita e confermati da molte sentenze della cassazione (vedi invasione di campo) ed a causa della mancata applicazione , come richiesto anche dal Coni, dell’art.17 hanno barato e non hanno assegnato come per norme e per legge federale lo 0-3 al Palermo con conseguente promozione del Palermo in A.

Palermo che per ora è costretto a giocare partite amichevoli con squadre di serie B mentre 3 squadre abusive grazie a sentenze che i tifosi ritengono costruite ad hoc per favorirle giocano in serie A.

Pubblichiamo sotto una mini storia di immagini per consentire ad ognuno di capire bene da solo e facilmente quante e quali azioni sleali ed antisportive sono state messe in atto non solo con il Frosinone ma nei comportamenti di Parma dove ricordiamo che Calaiò e stato comunque condannato e con il Chievo autore degli illeciti amministrativi con il Cesena e che con un artifizio procedurale alla fine è stato salvato mentre il Cesena è stato condannato per gli stessi illeciti …. giudicate Voi …. ricordando che solo uno di questi comportamenti è sufficiente ad applicare l’art.17. e che lo stesso ha chiesto proprio il Coni rimandando tutto alla Corte federale chiedendo di “applicare le pene adeguate” a quanto effettivamente visto e successo in campo cioè applicazione art.17 e 0-3 per il Palermo in riferimento alla gara dei playoff Frosinone-Palermo.

L’art. 17 , il comma 1 con cui si apre il medesimo articolo dispone: Sanzioni inerenti alla disputa delle gare. 1. La società ritenuta responsabile,anche oggettivamente, di fatti o situazioni che abbiano influito sul regolare svolgimento di una gara o che ne abbiano impedito la regolare effettuazione, è punita con la perdita della gara stessa con il punteggio di 0‐3…

Questo il Comunicato del Palermo :

“Apprezziamo le parole dell’allenatore Zdenek Zeman che, in un’intervista pubblicata oggi sull’edizione palermitana de “La Repubblica”, ha dichiarato: “Penso che il calcio oggi non attiri più. Non è solo un problema di Palermo. Quello che è successo a Frosinone è una delle cose che allontana la gente: fanno passare la passione ed il calcio senza gente non ha senso”.

Sugli accadimenti della gara contro il Frosinone, l’U.S. Città di Palermo, ancora in attesa di una risposta da parte degli organi di giustizia, ieri ha dovuto formalmente sollecitare la Corte Sportiva di Appello ad emettere la decisione entro il termine di sabato 10 novembre, oltre il quale il procedimento si estinguerebbe.

La Società auspica, pertanto, che entro tale scadenza venga data una risposta concreta affinché i comportamenti sleali ed antisportivi non incidano negativamente sulla credibilità del calcio e sulla passione dei tifosi, in quanto, così come dichiarato da Zeman, “il calcio senza gente non ha senso”.”

Questa la foto dopo le sentenze che hanno riguardato fino ad adesso il Palermo ma anche la serie B e la Lega Pro :

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da News