Resta in contatto

News

Palermo, D’Antoni: “Io presidente tifoso…” (VIDEO)

Nostra intervista al presidente del Coni Sicilia, ex numero uno del Palermo

D’Antoni commenta in questa intervista realizzata da Mario Giglio la recente Champions Cup di Pallamano che si è disputata a Catania con la partecipazione di ben 32 squadre, come mai era accaduto in precedenza, partecipanti alla Champions Cup, la manifestazione di Beach Handball che si è svolta dal 1° al 4 novembre e che la EHF (European Handball Federation) ha assegnato alla FIGH e alla città di Catania.

Non sono mancate le sorprese nella finale della Champions Cup di beach handball che si è chiusa giorno 4 sui campi del Lido Le Capannine alla Plaia di Catania. Le due squadre campioni in carica, i russi dell’Ekatinodar e le spagnole del Cbm Playa Algeciras sono state infatti costrette alla resa.

La finalissima femminile ha visto la vittoria delle ungheresi del Multichem Szentendrei che solo dopo lo shootout ha superato sul 2 a 1 le portoghesi del Grd Leca Apostaganha che hanno vinto il Premio «Simpatia».

I croati della Detono Zagabria hanno vinto la Champions Cup maschile battendo i russi dello Ekaterinodar col punteggio di 2 a 0, dopo un primo set vinto in maniera risicata (19-18) e imponendosi in maniera più larga nel 2° vinto sul 24 a 16.

Ma dopo avere ricordato e commentato questo importante successo organizzativo per lo sport siciliano, molto apprezzato anche in campo mondiale, è stato il momento dei ricordi. Di quando diventò, con la proprietà Sensi, il presidente della Palermo Calcio che segnò la rinascita della squadra rosanero.

E con Sensi (proprietario in Serie A della Roma di Francesco Totti) arriva la promozione dalla Serie C alla Serie B e l’anno dopo una promozione in Serie A sfiorata. La Serie A poi sarebbe arrivata dopo la cessione a Zamparini, che ha portato dieci anni di successi, un vero e proprio miracolo per una squadra che era scomparsa dal calcio nazionale e da quel momento in poi ha dato al popolo rosanero che lo aveva dimenticato (molti non avevano avuto addirittura mai la possibilità di viverlo), la possibilità di tifare ed ammirare  giocatori di grandissimo valore transitati nelle fila del Palermo, alcuni di loro diventati anche campioni del mondo con la Nazionale.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da News