Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Palermo-Benevento tante emozioni, zero gol. Pareggio giusto al Barbera

La squadra di Stellone non va oltre lo 0-0 contro i sanniti. Trajkovski sciupa un’ottima chance nel finale e sul recupero i rosanero protestano per un presunto fallo di mani in area

Non riesce l’allungo in classifica al Palermo. Solo un pareggio senza gol contro un ottimo Benevento. Per i rosanero quinto pari stagionale, il terzo in casa, il secondo consecutivo, il quarto su quattro di venerdì. Un pareggio tutto sommato giusto, nonostante l’assalto finale della squadra di Stellone che a una manciata di minuti dal fischio finale ha sciupato una clamorosa palla gol con Trajkovski. I sanniti schierati inizialmente col 3-5-2 hanno imbrigliato bene il Palermo, limitando al minimo la pericolosità degli attaccanti di casa. Puscas e Nestorovski si sono visti pochissimo, Trajkovski è stato sempre raddoppiato a dovere.

Coda nel primo tempo ha sprecato due ghiotte occasioni e altre due nella ripresa. Bucchi ha dovuto cambiare modulo però, per sopperire alle sostituzioni forzate di Viola e Letizia. Il Palermo si è reso maggiormente pericoloso quando Stellone, inserendo Falletti per Murawski, è passato al 4-2-4, ma la pressione finale stavolta non è bastata ai rosanero per ottenere la vittoria.

Detto del gol sbagliato da Trajkovski (una sorte di rigore in movimento su preciso assist di Nestorovski), da segnalare nei minuti di recupero un tocco col braccio alto di Bandinelli in barriera su un calcio di punizione dal limite di Nestorovski, tocco che poteva anche essere sanzionato col calcio di rigore. Il Palermo protesta ma si deve accontentare: rosanero sempre in testa, in attesa di Perugia-Pescara. In caso di successo, gli abruzzesi aggancerebbero i rosanero in testa alla classifica a quota 26. Per il Benevento, prima volta senza segnare in questa stagione, ma è una prima volta dolce, perché alla vigilia Bucchi probabilmente si sarebbe accontentato di uscire imbattuto dal Barbera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da Approfondimenti

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.