Resta in contatto

Approfondimenti

Palermo, tra una partita e l’altra, occhio alle scadenze

Prima la Camera di Commercio, poi la Federcalcio: a breve il “nuovo” Palermo dovrà comunicare agli organi competenti chi sono i nuovi acquirenti, chi il legale rappresentante, comporre il nuovo CdA e nominare il nuovo presidente.

Tra una partita e l’altra, occhio alle scadenze, che non sono quelle dei barattoli che tenete in dispensa. Per capire meglio cosa è successo (o cosa sta succedendo) in seno al Palermo Calcio, bisogna allargare i propri orizzonti, bisogna andare oltre i giocatori, i moduli e gli schemi di gioco. Oggi essere tifosi del Palermo (purtroppo, verrebbe da dire) non significa soltanto andare allo stadio, indossare una maglia rosa e tifare. Non basta: bisogna anche addentrarsi nei meandri delle regole della burocrazia.

A chi è stato ceduto il Palermo, ancora non si è capito. I dubbi e le perplessità sono tanti e coinvolgono tutti, dal primo cittadino ai tifosi, passando per gli addetti ai lavori. Gli inglesi hanno lasciato la città, promettendo “cambiamenti esponenziali”, ma i primi cambiamenti, quelli che daranno effettiva concretezza agli annunci dovranno arrivare a breve. Il primo riguarda la Camera di Commercio. Come riporta oggi Repubblica Palermo, di solito serve una settimana perché la comunicazione ufficiale arrivi in via telematica alla Camera di Commercio, comunicazione che ormai effettuano gli studi notarili direttamente. E dato che dall’annuncio della cessione, avvenuta il 30 novembre, cioè venerdì scorso, sono passati quasi 6 giorni, più o meno ci siamo. Questa “visura camerale” come si dice in gergo tecnico, sarà la prima traccia concreta del passaggio di proprietà.

Poi c’è l’ambito sportivo: dal momento in cui una società passa di mano (anche per il 10%), alla Figc devono giungere entro 30 giorni (quindi in teoria entro il 30 dicembre) garanzie di solidità finanziaria e di onorabilità. I requisiti di onorabilità riguardano l’aquirente e il suo legale rappresentante che non deve aver riportato condanne detentive per reati di violenza nelle competizioni sportive e doping, mentre per tutti gli altri reati non deve aver riportato pena edittale massima superiore a 5 anni. Inoltre, il legale rappresentante del club deve essere sottoposto, con esito positivo, alle verifiche antimafia. Per quanto concerne i requisiti di solidità finanziaria, questi vanno garantiti da almeno un istituto di credito di primaria importanza nazionale o internazionale con cui l’acquirente ha rapporti da almeno un anno.

Infine, ma non per ordine d’importanza, le scadenze economiche che riguardano la gestione ordinaria del club. Entro una decina di giorni, il Palermo dovrà pagare gli ultimi due stipendi, quelli del bimestre settembre-ottobre (in caso di ritardo scattano penalità in classifica). Finora i pagamenti ai calciatori sono avvenuti in maniera regolare e puntuale. Ma Zamparini da tempo ha lanciato l’allarme, dichiarando che servono una decina di milioni per arrivare al termine della stagione.

Ci sarebbe poi da comporre il nuovo CdA (a tal proposito Zamparini ha detto che uno dei membri sarà il numero uno di Sicindustria, Alessandro Albanese) e nominare un nuovo presidente, dettaglio non di poco conto. Tutte date da cerchiare in rosso sul calendario, date in cui non sono in programma scontri diretti per la promozione, ma altre partite, meno divertenti e forse più importanti.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da Approfondimenti