Resta in contatto

Approfondimenti

Palermo, senza Nestorovski non c’è Puscas? La statistica è curiosa

Ieri contro il Livorno la prima assenza stagionale del capitano rosanero, costretto ai box per un dolore al polpaccio rimediato in settimana. I numeri dicono che tanto la squadra quanto il suo alter ego rumeno rendono di più con il macedone in campo.

Il Palermo non va oltre il pari contro un Livorno caparbio. Ieri pomeriggio al “Renzo Barbera” gli uomini di Breda hanno messo in campo una prestazione decisa, tanto in fase di contenimento quanto nelle ripartenze offerte dai massicci attacchi del Palermo, il cui atteggiamento offensivo questa volta non ha portato il gol della vittoria.

Deve aver pesato anche l’assenza di Ilija Nestorovski, ai box per un affaticamento al polpaccio sopraggiunto giovedì scorso in allenamento. Il capitano rosanero è il marcatore più prolifico del Palermo dopo quindici giornate: 6 gol fin qui, quarto nella classifica dei bomber di Serie B, alle spalle di Donnarumma (che ne ha già segnati 13), Mancuso e Coda. Per il macedone ieri la prima assenza stagionale: sempre in campo sin dalla primissima uscita ufficiale, contro il L.R. Vicenza, in Coppa Italia. In campionato, titolare in 12 delle 15 partite disputate dai rosanero: con Nestorovski nell’undici di partenza, il Palermo ha raccolto 25 punti su 33 disponibili (media di 2,08), a cui vanno sommati i 4 punti conquistati con il macedone impiegato a partita in corso (contro Cremonese e Foggia). 21 gol realizzati, in 8 dei quali c’è la mano, anzi il piede del capitano, che ne ha messi a segno 6 (1 gol ogni 176 minuti), fornendo anche 2 assist.

Insomma quando Nesto-gol non gioca, si sente. Il suo alter ego/partner, George Puscas, ha già dimostrato il proprio potenziale, ma ha bisogno di tempo per perfezionare l’intesa con i compagni di reparto: il rumeno ha messo a segno 3 gol in 13 presenze (1 gol ogni 231 minuti), non ancora un bottino ottimale. Curiosa la statistica della coppia Puscas-Nestorovski: quando hanno giocato insieme – dal 1′ o a partita in corso – uno dei due ha sempre fatto gol, eccetto che nella gara casalinga contro il Venezia. Soprattutto, il rumeno ha segnato soltanto con il capitano al suo fianco. Tutti utili, nessuno indispensabile? Quasi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da Approfondimenti