Resta in contatto

News

I dubbi di Zamparini: “Spero che il Palermo sia in buone mani. La mia paura…”

Le parole dell’ex patron rosanero sulla cessione del club rosanero: “Ho trovato queste persone molto interessate”

Dopo qualche giorno di silenzio, intervistato durante la trasmissione RMC Sport, l’ex proprietario del Palermo calcio Maurizio Zamparini torna a parlare della cessione del club rosanero alla Sport Capital Group Investments Ltd, operazione conclusa, comunicati alla mano, il 29 dicembre scorso.

Ma se in tutte le altre dichiarazioni in merito agli acquirenti inglesi l’ex patron ha sempre affermato con forza la sicura solidità dei nuovi proprietari del club, questa volta sembra più cauto e mette sul tavolo la “speranza”: “Spero che il Palermo sia in buone mani. Ho trovato queste persone molto interessate e spero che non vengano divorate dal mondo del calcio”, dice Zamparini. Che poi spiega: “La mia paura è che senza esperienza vengano avvicinati da persone che si dicono esperte e che possono portare ad errori”.

Per andare in A non ha bisogno di tante cose”, e rivela: “A Foschi ho consigliato un Marotta giovane per gestire la parte sportiva”. Sulla possibilità di un ruolo da consulente della nuova dirigenza, l’ex patron rosanero non si sbilancia: “Se qualcuno avrà bisogno di una mia consulenza gratis, io sarò disponibile. Se me la chiedono, gliela do. Sono a disposizione del calcio, sempre, ma da una posizione esterna; ho un’età in cui mi devo ritirare dal calcio attivo. Non pensavo di uscire così dal Palermo, ma da queste cose si impara, anche alla mia età. E mi aiuterà a crescere”.

In chiusura, una riflessione polemica sul Var in Serie A“Nel calcio ci sono sempre stati i poteri e quello più forte è sempre stato quello della Juventus. Quando stavo al Venezia mi capitava di battere Milan e Inter, ma mai la Juventus, il VAR opera in maniera distorta. Per la Juve non è semplice vincere la Champions League, ma non sarebbe un fallimento se non dovesse alzare la coppa. Allegri è uno dei migliori, ero arrabbiato con lui perché faceva giocare poco Dybala”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da News