Resta in contatto

News

Palermo british, un altro tassello del puzzle? Emesso bond da 2,5 milioni di sterline

Spunta un’obbligazione da parte di Eight Capital, il fondo rappresentato da John Michael Treacy, il quale farà parte del nuovo cda rosanero

Tra le diverse manovre che si intrecciano dietro Sport Capital Group Investments per la ricapitalizzazione del Palermo calcio, ecco un primo sostanziale passo in avanti a livello finanziario: la Eight Capital, l’unica società finora ad aver inserito iniettato capitali in Sport Capital, lo scorso 26 ottobre ha emesso un bond da 2,5 milioni di sterline, quasi 2,8 milioni di euro.

“Eight Capital – si legge su Giornale di Sicilia – possiede il 22,78% della società quotata. Non la maggioranza, perché quella spetta ancora ad Alpha Corporate Service Limited, un trust con sede alle Bermuda con referente Simon Grant-Rennick, presidente della ormai ex Pelican House Mining. Tra gli azionisti, con il 4,72% delle quote, spunta anche Peterhouse Capital Limited, ovvero l’advisor finanziario di Eight Capital”. Il fondo rappresentato da John Michael Treacy (che farà parte del nuovo cda del Palermo) ha dunque messo un bond pari a 2,8 milioni di euro tramite Value Added Fund, un sottocomparto del fondo Cosmos Sicav, controllato dalla società maltese Abalone (legata a Financial Innvations, dunque a Maurizio Belli ed Emanuele Facile).

L’emissione di obbligazioni attuata a fine ottobre è suddivisa in 50 tranche da 50 mila sterline ciascuna, “delle quale finora risulta essere sottoscritta una sola parte”, si legge sul quotidiano. Per Dominic White, presidente di Eight Capital, questi bond “daranno la possibilità di ridurre ed accedere al capitale come e quando richiesto, una volta individuata un’opportunità o un affare potenzialmente attrattivo”, che in questo caso per il fondo inglese “sarebbe il Palermo, in teoria – scrive Giardina – con White candidato ad un ruolo di rilievo, in quanto capo delle operazioni dell’unico soggetto che finora ha immesso capitali”.

Il puzzle finanziario, dunque, continua lentamente a comporsi. Entro la fine di gennaio, però, dovranno essere fatti passi concreti per arrivare all’annunciato aumento di capitale fino a 20 milioni perché, come evidenziato dai revisori dei conti nella relazione al bilancio 2018, sarà fondamentale l’iniezione di nuovi danari nelle casse societarie per garantire la salute economica del club.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da News