Resta in contatto

Approfondimenti

Supercoppa a Gedda, tutte le cifre di un matrimonio d’interesse

Alla Lega Calcio andranno 7,5 milioni di euro in cinque anni, ma gli interessi vanno oltre: l’Italia è il nono partner commerciale dell’Arabia Saudita che punta forte sul progetto Vision 2030. Viaggio nelle cifre che accompagnano le polemiche sul mancato rispetto dei diritti civili

Al di là delle naturali considerazioni morali sul mancato rispetto dei diritti civili in Arabia Saudita, nella vicenda della disputa della Supercoppa Italiana tra Milan e Juventus al King Abdullah Sports City Stadium di Gedda, ci sono dati economici e finanziari che testimoniano un evidente matrimonio di interesse. L’Italia è uno dei dieci partner principali a livello economico per l’Arabia Saudita grazie a decine di aziende che esportano e operano nel paese. Gli ultimi dati disponibili si riferiscono al 2017 quando l’Italia risultava il nono partner dell’Arabia, con un volume di flussi commerciali di 6,7 miliardi di euro.

Dall’Arabia l’Italia esporta soprattutto macchinari (1,4 miliardi), derivati del petrolio (386 milioni), materiale e apparati elettrici (292 milioni), lavorati in ghisa, ferro e acciaio (212 milioni) e mobili (187 milioni). Importa petrolio e derivati, materie plastiche e prodotti chimici organici, mentre da noi non è stato preso alcun provvedimento nei confronti del traffico d’armi arabo al contrario di altri paesi europei. Ci sono dati ufficiali che nessuno contesta: secondo l’Ambasciata saudita a Roma, nel 2017 l’Italia ha venduto armi all’Arabia per 45.650.475 euro. Dall’Italia, i sauditi hanno comprato, tra il 2013 e il 2017, l’1,5% dei suoi armamenti, come spiegano gli svedesi del Sipri.

Dal punto di vista sportivo, quella in programma il 16 gennaio a Gedda sarà l’11esima Supercoppa Italiana su 30 da disputare all’estero, grazie all’accordo firmato nel giugno scorso e dunque prima dell’omicidio del giornalista Khashoggi. Accordo che prevede la disputa di tre finali di Supercoppa Italiana in cinque anni in Arabia in cambio di 7,5 milioni di euro, che per la Lega Calcio rappresentano un incremento rispetto a quanto incassato nelle precedenti edizioni estere. Non è un mistero che il nostro calcio fa fatica ad esportarsi a differenza di quanto accadeva negli anni del boom e che la Lega deve rientrare dei 100 milioni della differenza sulla vendita dei diritti televisivi esteri del campionato, che ha fruttato 280 milioni di euro invece dei preventivati 380.

Da parte araba l’evento, insieme a tanti altri eventi internazionali (la Race of Champions di Moto, le World Series of Boxing e lo European Tour di Golf che arriverà a febbraio al Royal Greens Golf and Country Club di King Abdullah Economic City) rientra nell’ambito di un disegno più ampio denominato Vision 2030, che punta ad aumentare il numero di praticanti sportivi e a compiere progressi nella condizione sociale.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da Approfondimenti