Resta in contatto

News

Delio Rossi: “Il mio momento più bello a Palermo? Coincide con quello più triste”

L’intervista ad uno dei più amati allenatori della recente storia rosanero: “Zamparini è sicuramente un presidente sui generis e sempre presente, forse troppo, ma… “

Nel novero degli allenatori più amati della storia recente del Palermo, un posto privilegiato è sicuramente riservato a Delio Rossi. Arrivato nel capoluogo siciliano nel novembre del 2009, sei mesi dopo aver salutato la Lazio, Rossi si rese protagonista di due eccezionali stagioni alla guida dei rosanero: nel 2009/10 sfiorò la qualificazione ai preliminari di Champions League, piazzandosi al quinto posto (miglior piazzamento assoluto nella massima serie) alle spalle della Sampdoria; la stagione 2010/11 è ricordata soprattutto per la storica finale di Coppa Italia all’Olimpico contro l’Inter post Triplete.

Ai microfoni di ForzaPalermo.it, il tecnico riminese è tornato a parlare del Palermo, dei ricordi rosanero che porta con sé e dell’ex patron Maurizio Zamparini, che per Rossi è “sicuramente un presidente sui generis e sempre presente, forse troppo” ma che è “molto innamorato del calcio e certamente anche del Palermo. Per creare un futuro bisogna rispettare il passato -dice l’ex allenatore rosanero -, Zamparini ha fatto delle cose molto buone e come capita ad ogni uomo ha commesso qualche errore”.

La finale dell’Olimpico resta tra i ricordi indelebili della storia del Palermo, tanto per i tifosi quanto per lo stesso Delio Rossi: Paradossalmente il mio momento più bello a Palermo coincide con quello più triste, la finale di Coppa Italia. Ero consapevole delle difficoltà con il presidente e mi sarebbe piaciuto lasciare il ricordo di una vittoria, un trofeo in bacheca. Sarebbe stato il ricordo più bello che avrei lasciato perché ero già consapevole che sarei andato via”. E in chiusura, sul proprio futuro Rossi rivela: “Qualcosa si è mosso in questi mesi ma bisogna trovare la situazione giusta, in modo che le mie capacità possano essere di aiuto alla società che mi sceglie”.

 

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da News