Calcio Rosa Nero
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Palermo british, interviene la Lega B: “Documentazione incompleta”

Le carte inviate dal club rosanero due settimane fa non avrebbero soddisfatto i requisiti richiesti dagli organi federali italiani in merito all’acquisizione di un club professionistico

La Lega B ha inviato una comunicazione al Palermo in merito alla documentazione relativa all’acquisizione del club rosanero, che per l’organo federale presieduto da Mauro Balata sarebbe incompleta. Due settimane fa, dagli uffici di viale del Fante “erano partite le carte che attestavano l’onorabilità e solidità finanziaria del gruppo acquirente – si legge sul Giornale di Sicilia oggi in edicola –. Sarebbe proprio quest’ultimo il tasto dolente, ma adesso tocca alla Federazione occuparsene”.

Il monitoraggio della Lega si inserisce in un contesto che per il quotidiano “tra il rosa e il nero pende decisamente verso il secondo colore: l’annunciata immissione di capitali nel club non si è ancora verificata”, scrive Benedetto Giardina. E le scadenze si avvicinano: “si parte con le ingiunzioni di pagamento arrivate e quelle attese”, provenienti dai procuratori che aspettano compensi, “per poi proseguire con gli stipendi di alcuni dipendenti saldati in ritardo, e si finisce il 16 febbraio”, data in cui dovranno essere saldati gli stipendi dei tesserati per i mesi di dicembre e gennaio. “Se non vengono pagati entro quel giorno, interviene la Covisoc e la prospettiva è quella di una penalizzazione di due punti”.

Il Giornale di Sicilia fa presente ancora una volta che la società di revisione dei conti rosanero, Baker Tilly Revisa, “ha messo nero su bianco nella relazione sull’ultimo bilancio che questa società, senza iniezioni di capitale, non sarebbe riuscita ad adempiere ai propri impegni a partire da gennaio”. Il mese di gennaio è agli sgoccioli e la Sport Capital Investments ha in cassa 15 milioni e 100 sterline: “tolto il ‘centone’ con raffigurato il volto della Regina Elisabetta – si legge – il resto è un prestito obbligazionario che non costituisce in alcun modo liquidità, almeno finché qualcuno non lo sottoscriva”. Liquidità che al Palermo serve, anzi è necessaria: “Al 30 giugno 2018 erano circa 21,7 milioni i debiti verso i fornitori, la maggior parte dei quali proprio verso gli agenti. Di questi, 14,3 vanno saldati entro giugno”.

Adesso la palla passa alla Lega, che per le nuove normative dopo il fallimento del Parma pretende da chiunque prenda possesso di almeno il 10% delle quote di un club professionistico i documenti che attestino l’onorabilità dell’acquirente e la solidità finanziaria dello stesso: “Nel caso del Palermo – conclude Giardina sul Giornale di Sicilia sarebbe proprio il secondo requisito a non aver convinto”.

Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'ex tecnico della Nazionale: "Non vedo grandi differenze tra rosanero, Como, Cremonese e Venezia"...
Al "Marulla" si sfidano Cosenza e Sampdoria. Sabato, oltre la sfida di Cremona, c'è anche...
L'ex allenatore rosanero: "Sarà uno spartiacque, Brunori l'anima della squadra: per me è un giocatore...

Dal Network

Calcio Rosanero