Calcio Rosa Nero
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Palermo, l’ex patron del Parma Manenti si schiera con Facile

Il dirigente gialloblu di uno dei periodi più bui della storia del club ducale prende le difese dell’ad rosanero

Sembra uno scherzo, ma non lo è. In un’intervista rilasciata a Tuttomercatoweb, Giampietro Manenti si schiera dalla parte dell’amministratore delegato del Palermo Emanuele Facile. “Io sto dalla parte dell’amministratore delegato Facile – dice – è bersagliato in modo inutile. Non è corretto bersagliarlo, il Palermo da qualche anno porta dei meno a bilancio e non ci vuole un minuto a sistemare le cose. Quello che fa la differenza è il management. Se uno fa l’imprenditore sa come funziona. Oggi nessuno è stupido da buttare soldi dentro una società. Se una società funziona si possono fare degli investimenti, altrimenti no”.

A chi gli chiede di commentare chi parla di un nuovo caso Manenti a proposito di Facile, l’ex gialloblu fa notare che lui è stato assolto. Anche se per la verità è stato squalificato per 5 anni per avere provato a fare dei bonifici nelle casse del Parma con delle carte di credito clonate. “E Facile proverà quello che ho provato io – dice – Io capisco i tifosi, ma basti pensare che il 90% delle società non funziona. Chi ha messo gli striscioni contro Facile non sa come va il mondo: mi rivedo in lui perché è considerato il capro espiatorio. Vorrei 3 Facile e 5 Manenti nel calcio italiano, così cambierebbe il sistema. Piuttosto i tifosi del Palermo dovrebbero aiutare anziché bersagliare l’attuale amministratore. Facile vuole 1,2 milioni, fa bene! Anche perché il suo gruppo ha pagato solo dieci euro. Giusto così”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'ex tecnico della Nazionale: "Non vedo grandi differenze tra rosanero, Como, Cremonese e Venezia"...
Al "Marulla" si sfidano Cosenza e Sampdoria. Sabato, oltre la sfida di Cremona, c'è anche...
L'ex allenatore rosanero: "Sarà uno spartiacque, Brunori l'anima della squadra: per me è un giocatore...

Dal Network

Calcio Rosanero