Resta in contatto

Approfondimenti

Pippo Maniero: “Il Palermo è da Serie A, ma a Venezia contro Cosmi sarà dura”

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, l’ex attaccante di Palermo e Venezia ripercorre il suo passato e dice la sua a proposito della sfida del Penzo in programma domani sera

Lo ammette con candore: “Sono più affezionato al Venezia”. Ma non c’è di che stupirsi, perché Pippo Maniero in Laguna ha trascorso 4 anni, i migliori della sua carriera, 3 dei quali in Serie A. In rosanero tutto sommato è stato di passaggio, anche se tanti bei ricordi di Palermo gli sono rimasti in testa: “A Palermo sono stato la prima stagione di Zamparini – ha dichiarato l’attaccante padovano a La Gazzetta dello Sport -. Anche se non siamo riusciti ad ottenere la promozione, ho un ricordo positivo, soprattutto per il calore della gente. Realizzai 13 gol, alla fine però perdemmo a Lecce, all’ultima giornata, e in A andarono i pugliesi. Quello è stato il rammarico maggiore. In qualche modo però, quella squadra ha preparato il terreno per chi è venuto dopo”.

Sulla partita di domani, Maniero non ha dubbi, il Palermo non avrà vita facile: “I rosanero troveranno un Venezia arrabbiato e motivato dall’arrivo di Cosmi. Sulla carta non c’è storia: il Palermo è nettamente più forte, ma al Penzo non sarà facile. Mi aspetto una reazione emotiva da parte dei giocatori del Venezia. La ritengo una partita aperta, sebbene favoriti rimangano i rosanero”.

Ad accomunare Venezia e Palermo, c’è soprattutto Zamparini, che Maniero difende a spada tratta: “Per come l’ho conosciuto io, posso solo parlarne bene. A Venezia è stato un presidente impeccabile. Da parte mia lo ringrazierò sempre. E credo che anche a Palermo abbia fatto molto bene: lo dice la storia, i risultati raggiunti, l’Europa, i giocatori che hanno indossato la maglia rosanero nell’ultimo decennio. Forse i tifosi dimenticano un po’ troppo in fretta… Non posso entrare nel merito di quello che è successo allora a Venezia (fallimento, ndr) o di ciò che sta succedendo adesso a Palermo: ripeto, non ho gli elementi. Da calciatore cercavo di fare del mio meglio, senza curarmi troppo degli aspetti societari. Che poi è quello che penso stiano facendo anche oggi i giocatori del Palermo, e con grande professionalità. Anche per questo auguro a loro di centrare l’obiettivo Serie A e riportare la piazza dove merita”.

1 Commento

1
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Commento da Facebook Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Per l’arbitro penso

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti