Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Palermo, al processo la richiesta dell’accusa è da ko

Iniziato il dibattimento a Roma davanti al tribunale federale nazionale. La procura federale ha chiesto il massimo della pena sia per il club che per i deferiti Zamparini, Morosi e Giammarva

Ultimo posto in classifica con retrocessione in Serie C. E’ questa la richiesta nei confronti del Palermo fatta dal procuratore federale della Figc, Giuseppe Pecoraro, nel processo davanti al Tribunale federale nazionale per presunto illecito amministrativo da parte del club rosanero. Nel corso del procedimento è stata accolta la richiesta del Benevento di essere ammesso in qualità di terza parte interessata. I legali del Palermo hanno insistito sull’inammissibilità del processo. La sentenza (rinvio istruttorio o nel merito) è attesa nei prossimi giorni.

Cinque anni di inibizione con richiesta di preclusione. È questa la richiesta del procuratore federale della Figc, Giuseppe Pecoraro, nei confronti dell’ex patron del Palermo Maurizio Zamparini nell’ambito del processo del club rosanero davanti al Tribunale federale nazionale per irregolarità gestionali che sarebbero state commesse tra il 2014 e il 2017 proprio sotto la presidenza di Zamparini. Stessa sanzione è stata chiesta per Anastasio Morosi, all’epoca dei fatti presidente del collegio sindacale del club. Due anni di inibizione, infine, sono stati chiesti da Pecoraro per Giovanni Giammarva, ex presidente del CdA.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti