Resta in contatto

Approfondimenti

Palermo, si cerca la sede per il ritiro. Quattro le opzioni

Finita l’era della preparazione precampionato in Austria a Bad Kleinkirchheim il club rosanero va a caccia del posto giusto per mettere benzina nelle gambe dei calciatori in vista della prossima B

A raccontare la caccia alla sede del ritiro ci ha pensato Roberto Chifari su ForzaPalermo.it. “L’allenatore ha fatto delle richieste precise di natura tecnica – scrive Chifari – Serve una struttura capace di ospitare tutta la squadra, lo staff tecnico e medico e poi c’è l’anima organizzativa del club: l’ufficio stampa, il team manager e i dirigenti. Serve un campo di allenamento con un buon manto erboso, per prevenire soprattutto gli infortuni muscolari durante i carichi di lavoro e serve anche una palestra: a Bad Kleinkirchheim e a Sappada, così come a Storo o a Ponte di Legno, tutta l’attrezzatura è arrivata da Palermo con un tir. L’ideale sarebbe una struttura polivalente, un po’ come lo è stata Malles che coniugava anche una piscina e una piccola Spa. Dettagli che poi fanno la differenza. Andranno prenotate almeno venticinque camere, va riservata la struttura alberghiera e quella sportiva per almeno due settimane ma potrebbero essere anche tre”.

Poi si entra nel vivo delle possibili scelte del direttore generale Fabrizio Lucchesi con il via libera da parte dell’allenatore Pasquale Marino. “Sul tavolo ci sono diverse opzioni, almeno quattro – scrive Chifari – Sono tutte strutture di primissimo livello, legate al gruppo Arkus Network che opera nel settore turistico alberghiero. La nuova proprietà vorrebbe puntare ad una località che possa fare da cassa di risonanza del club. Un luogo di prestigio. Da escludere la Calabria, anche perché le strutture della Sila sono state opzionate dalle squadre calabresi”.

Fra le sedi posibili ci sono “L’area Trentino-Veneto, che ospita la maggior parte dei ritiri precampionato delle squadre di serie A e B – si legge su ForzaPalermo.it – Al momento più defilato il centro Italia con Lazio e Umbria. Potrebbe esserci anche un outsider come il Piemonte che in altura ha diverse strutture ideali per il ritiro, ma occhio anche a soluzioni fuori dall’Italia: tra le opzioni ci sarebbe anche la Svizzera”.

Entro la settimana si prevede che possa essere annunciata la sede del ritiro 2019 in cui nascerà il cosiddetto Palermo 2.0.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti