Resta in contatto

News

Palermo, aumentano i pretendendi al club. Chi rilancerà i rosa?

Continuano le manifestazoni d’interesse per la società che dovrà ripartire dai dilettanti dopo l’esclusione della squadra dal campionato di B e la conseguente cancellazione dai quadri federali

Aumentano le pretendenti. Dopo il tandem Mirri-Sagramola, Di Piazza, i cinesi e la cordata di Dragotto anche il pubblicitario palermitani, per certi versi concorrente del settore di Mirri, Rino Alessi potrebbe essere interessato al progetto di rilancio del club, ma non solamente in prima persona. ForzaPalermo.it lo ha intervistato.

La presenza di imprenditori seri e per bene – dice Alessi a ForzaPalermo.it – penso sia l’elemento necessario per recuperare un rapporto di credibilità con le istituzioni ma soprattutto con i tifosi troppe volte illusi. Che un imprenditore di altissimo livello morale e di grande capacità imprenditoriale come il dottor Dragotto possa cimentarsi – insieme con altre cordate mi auguro siciliane – non può che essere salutato con moltissima soddisfazione dall’impresa siciliana. L’ideale sarebbero delle figure di tycoon locali capaci di unire le qualità imprenditoriali con la passione. In tal senso Dragotto lo ricordo come investitore storico e per questo lo saluto con piacere come possibilità positiva per noi tifosi: negli ultimi anni ha investito soldi in stagioni non facili per il Palermo. Da tifoso a lui va il mio personale saluto perché può essere una valida figura. Con altrettanto rispetto guardo l’ipotesi di Sagramola che è anche un mio amico“.

L’idea alla quale vorrebbe lavorare Alessi è semplice: “Credo che la città debba riappropriarsi della sua squadra. L’idea dell’azionariato popolare – dice – è una misura che a me piace tantissimo e lo reputo il migliore modo di controllo. Il concetto è far sì che un azionariato pubblico diventi una sorta di garante anche morale e di tutela di un bene che è della città. Quindi sarebbe bello potersi appropriare del doppio status di tifoso e socio della società che diventerà anche una maniera per ottenere benefit come accade a Madrid o Barcellona. Non è Alessi ma un gruppo di tifosi appassionati che hanno aleggiato attorno al Palermo. Quella famosa cordata che più volte è stata citata è un’idea che può concretizzarsi su tutte le ipotesi che si manifesteranno. Ovviamente con determinati principi. Uno non sposa il progetto di una sola persona ma il modello più serio e inclusivo: secondo me la parola più bella è questa. Bisogna focalizzare l’idea e non le persone, altrimenti diventa un’autocelebrazione: spero fortemente che sia un procedimento veramente inclusivo“.

2 Commenti

2
Lascia un commento

avatar
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Commento da Facebook Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Aumentano? Io intorno ci vedo solo falliti. Erano tutti convinti che andando via Zamparini, il Palermo lo volevano tutti. Lo vogliono solo i pezzenti.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Vogliamo persone serie e che hanno soldi vero non finti come la società Srl di Tuttolomondo

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News