Calcio Rosanero
Sito appartenente al Network

Palermo, l’amarcord di Silipo ex del Licata con il sangue rosanero

Il tecnico ha raccontato i suoi trascorsi in viale del Fante ai microfoni di Stadionews. Un tuffo nel passato per ricordare le sue 108 presenze e le sue 13 reti fra il 1978 e il 1982

Fausto Silipo, ex allenatore del Licata ed ex giocatore del Palermo tra il 1978 e il 1982 ha raccontato i suoi trascorsi con le due squadre nel corso di un’intervista rilasciata a Stadionews. Con la maglia del Palermo ha messo insieme 108 presenze impreziosite da 13 gol. Nel campionato di C 1990/1991, invece, da allonatore del Licata ha sfidato i rosanero: vittoria del Palermo a Licata per 2-0 e pareggio per 0-0 alla Favorita.

Per me fu la prima volta che incontrai il Palermo da allenatore – ha raccontato Silipo – era una sensazione strana, a Palermo ho vissuto anni importanti, vivendo quasi da cittadino palermitano. Dopo Catanzaro, Palermo è la mia seconda città, affrontarlo è sempre stata un’emozione. Nella stagione ’90-’91 arrivammo settimi, ma eravamo ultimi al termine del girone d’andata. Il presidente, però, capiva che ci saremmo risollevati, giocavamo bene ma i risultati non arrivavano. Era una squadra completamente nuova, riuscimmo a fare 14 o 15 risultati utili consecutivi. Anche l’ambiente di Licata ebbe grande maturità nel supportarci anche nei momenti difficili. Ricordo con grande affetto il presidente D’Andrea e quegli anni in gialloblù”.

Da allora Palermo e Licata non si sono più incontrate. I rosanero sono stati abituati a campionati di livello fra A e B. “Il Palermo è una squadra destinata a stravincere il campionato – ha sottolineato Silipo – ma deve mantenere sempre una certa umiltà. Però non ci sono dubbi, sette vittorie consecutive non si fanno per caso. Al di là della forza della squadra, significa che c’è l’atteggiamento giusto. A Palermo c’era grande attesa, si veniva da una forte delusione, se i rosanero si trovano ora in questa situazione significa che è stato fatto tutto bene. Si poteva anche correre il rischio di non farcela, invece si è costruito tutto per bene. Siamo ancora all’inizio del campionato, non è ancora finito, però sono convinto che tutto andrà per il meglio. Un mio futuro nel progetto del Palermo? Più passa il tempo più è difficile, attualmente vivo a Roma ma Palermo è come se fosse la mia casa”.

Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il tecnico rosanero ha raccontanto del confronto continuo con la proprietà e della fiducia che...

Dal Network

Calcio Rosanero