Resta in contatto

Approfondimenti

Palermo e Savoia, la guerra di nervi. Domenica entrambe alla stessa ora

L’orario del calcio d’inizio è solo l’ultimo episodio di una serie di botta e risposta fra le due società che si contendono la vittoria del campionato e che si affronteranno il 22 marzo in Campania

A Torre Annunziata parlano di guerra di nervi. A Palermo sottolineano che è solo un modo per eliminare equivoci. Fatto sta che domenica le due uniche contendenti alla promozione in serie C, divise l’una dall’altra di cinque punti, scenderanno contemporaneamente in campo alle 15: la capolista Palermo in casa contro l’Fc Messina e il Savoia in Campania contro la Cittanovese.

Nei giorni scorsi proprio l’orario sfalsato fra le due concorrenti, con il Savoia in campo mezzora dopo rispetto al Palermo, aveva alimentato la polemica fra i dirigenti delle due squadre. A cominciare, per la verità, erano stati i campani muovendo il sospetto che i rosanero avessero beneficiato di qualche rigore di troppo. Da Palermo in pronta risposta era arrivata la stoccata sull’orario, invitando per la regolarità del campionato a non scendere in campo conoscendo già il risultato dei rosanero.

Leggo stupito – aveva detto l’amministratore delegato del Palermo Rinaldo Sagramola – del malizioso commento del Savoia a proposito dei rigori concessi a nostro favore. Alimentano ad arte un clima di sospetto che non ha ragione di essere. Ad ogni modo, per rispetto della serietà del torneo, anziché montare inutili polemiche, sarebbe meglio che la smettessero di giocare in orari diversi rispetto a quelli previsti dal calendario”.

Fino ad ora il Palermo aveva incassato la solidarietà tutta siciliana di Marina di Ragusa e Marsala che avevano detto di no alla richiesta del Savoia di posticipare il calcio d’inizio. Adesso la scelta dei rosanero di posticipare l’inizio del derby con il via libera dell’Fc Messina che sarà di scena al “Barbera”. I torresi, dal canto loro, continuano a sottolineare che chiedono il posticipo solamente per avere un afflusso di pubblico maggiore, perché rispetto al Palermo, giudicato dal Savoia appetibile per gli sponsor più di quanto non accada ai campani, l’unico mezzo di sostentamento economico arriva dal botteghino.

“Noi vorremmo giocare sempre in contemporanea – spiega Sagramola – per azzerare le voci non simpatiche che accompagnano queste differenze di calendario. Vorrà dire che se il Savoia giocherà alle 15, giocheremo anche noi alle 15″.

Dopo la prima replica di Sagramola, il Palermo aveva scelto di non rispondere più alle interviste rilasciate dai dirigenti del Savoia, ritenendole solamente provocazioni. E in effetti il Savoia continuava ad alimentare polemiche passando alla moviola gli episodi delle partite del Palermo e continuando a lasciare intendere che i rosanero fino ad ora avessero goduto di un occhio di riguardo da parte della classe arbitrale. Più di una volta il presidente Alfonso Mazzamauro ha alimentato sospetti e fatto allusioni sia in occasione dei due rigori nella stessa partita dati al Palermo contro il Troina, poi sbagliati entrambi dai rosanero, sia in occasione dei rigori trasformati contro Marsala e Roccella.

Palermo e Savoia hanno fatto il vuoto, i rosanero hanno dodici punti sul terzo posto e cinque sui campani. Il testa a testa è destinato a durare fino a fine campionato. “Abbiamo a che fare – dice Sagramola – contro un avversaria molto strutturata, il Savoia ha una gran bella squadra. È una formazione ottimamente allenata, un’avversaria temibile e l’ha dimostrato quando è venuta a giocare qui a Palermo. Il Savoia è molto più esperto di noi a proposito di questi campionati e lo sta dimostrando di domenica in domenica con i risultati che ottiene. Sarà una lotta serrata fino all’ultima giornata”.

A proposito dei biglietti per il derby Palermo-Messina, l’orario più comodo rispetto al solito delle 14,30 potrebbe anche favorire un maggior afflusso di pubblico al “Barbera”. I tagliandi si possono acquistare nel solito circuito Vivaticket e al bar dello stadio tutti i giorni dalle 9,30 alle 15,30, solamente il venerdì e il sabato dalle 9,30 alle 18,30. I prezzi vanno da 5 euro per le curve a 70 euro per la tribuna sostenitori.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti