Resta in contatto

RosaNero - Il Personaggio

Palermo, Langella si è tolto la polvere di dosso. Ora è indispensabile

Domenica contro la Cittanovese il centrocampista ha realizzato un gol e servito un assist. Da alternativa a Kraja ha scalato posizioni diventando titolare del nuovo sistema di gioco di Pergolizzi

Una bella spolverata dalle spalle. Christian Langella ha esultato così dopo il gol del 2-1 in avvio di secondo tempo sul campo della Cittanovese. Quella rete ha dato fiducia ai rosanero all’inizio di una frazione di gioco che poi sarebbe stata piena di colpi di scena. E in più ha confermato, se mai ce ne fosse stato bisogno, che Langella è uno degli uomini che hanno rimesso in corsa il Palermo di Rosario Pergolizzi.

Per tutta la prima parte della stagione Langella ha fatto la staffetta con Erdis Kraja, guadagnano posizioni nelle gerarchie rosanero proprio nel momento di maggiore difficoltà della squadra. Le sue reti contro Marsala, San Tommaso e Cittanovese sono arrivate nelle fasi decisive delle partite in cui ha timbrato il cartellino: contro il Marsala ha firmato il 2-1 dopo il momentaneo pareggio dei lilibetani; contro il San Tommaso aveva sbloccato la situazione portando in vantaggio i rosanero e domenica ha ribaltato la situazione di svantaggio iniziale. Tre reti in sei partite che sono coincise con il ritorno al cammino da record della squadra e che si aggiungono ai tre assist realizzati nel corso del campionato, l’ultimo dei quali proprio domenica per il gol di Peretti che ha portato il Palermo sul 3-2. Due perle che hanno cancellato l’errore che poteva pesare tantissimo ad inizio partita, quando si è fatto anticipare da Giaimo in occasione del gol del vantaggio della Cittanovese.

Langella sa come si fa. L’anno scorso a Bari ha contribuito alla vittoria del campionato dei pugliesi, ripartiti come sta facendo il Palermo, dalla Serie D. Quest’anno pensava forse che avrebbe avuto più spazio per il fatto che è uno dei 2000 – compirà 20 anni il 7 aprile – che per regolamento devono sempre stare in campo, ma si è dovuto alternare con i compagni. Il suo bottino di presenze, però, è comunque di livello visto che su ventitré partite di campionato è rimasto in panchina solamente in due occasioni.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da RosaNero - Il Personaggio