Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Da Trieste ad Ascoli: la rivincita di Cristian Bucchi

Il tecnico dei marchigiani ha interrotto la striscia di risultati positivi dei rosanero (31 partite senza sconfitte in casa) dopo che lo scorso maggio era stato eliminato ai playoff con la Triestina

Il calcio, si sa, è fatto di storie, incroci, numeri. Di gioie, amarezze e anche di rivincite. Come quella che si è preso ieri Cristian Bucchi, l’allenatore dell’Ascoli, che ha interrotto una lunga serie di partite casalinghe senza sconfitte del Palermo al Barbera. L’ultimo capitombolo risaliva al 7 marzo 2021, quasi un anno e mezzo fa, quando ad espugnare lo stadio palermitano fu la Juve Stabia: 2-4 il risultato finale. Era il Palermo di Filippi e Saraniti, una vita fa.

Ieri è stato l’Ascoli di Bucchi ad infliggere la prima sconfitta stagionale al Palermo targato Corini, l’allenatore che a maggio se ne era andato deluso e amareggiato dal Barbera perché la sua Triestina, nel primo turno della fase nazionale dei playoff, pur avendo giocato meglio dei rosanero per tre tempi su quattro (nel computo delle due partite) era stata fatta fuori dal Palermo di Baldini.

All’andata, a Trieste, i rosanero vinsero 2-1 grazie ad una doppietta di Floriano, al termine di un primo tempo perfetto. Nella ripresa, la squadra alabardata mise sotto il Palermo ma riuscì a segnare solo nel finale. Nel match di ritorno, invece, De Rose e compagni, davanti ad un Barbera pieno come un uovo (era la prima volta da quando era tornato Baldini) soffrirono maledettamente l’intraprendenza della Triestina che sognò l’impresa e sfiorò la vittoria. Fu Luperini, a pochi minuti dal termine, a pareggiare. Quella vittoria che Bucchi non è riuscito a conquistare tre mesi fa, è arrivata ieri, con l’Ascoli che per altro a Palermo aveva vinto solo una volta nella sua storia, nel 2000 (in C, gol di Eddy Baggio).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da L'angolo dell'avversario