Resta in contatto

Approfondimenti

Palermo, Buttaro guarda avanti: “Con il lavoro ricreeremo un gruppo vincente come l’anno scorso”

Il difensore, intervistato ai microfoni di Radio Time, torna sulla partita persa sabato contro la Reggina e si dice pronto a voltare pagina già venerdì sera

“Ci siamo ripresi dalla partita di sabato e già stiamo pensando al Genoa. La Reggina è scesa in campo concentrata, noi anche, ma il fatto che fra di noi c’erano nuovi innesti ha fatto sì che ci fosse poca sintonia. Non è facile scendere in campo con tanti giocatori nuovi, ma sono sicuro che piano piano prenderemo ritmo e arriveremo dove vogliamo”. Così il difensore del Palermo Alessio Buttaro ha parlato ai microfoni di Radio Time della partita persa sabato scorso contro la Reggina.

“Avere la fiducia degli allenatori è molto importante – ha proseguito Buttaro a proposito del fatto che riesce sempre a trovare spazio nonostante la giovane età – ti fa prendere consapevolezza. Conta quello che fai durante la settimana: se lavori bene il mister ti dà fiducia, anche se entri a partita in corso, l’importante è sudare per questa maglia e dare tutto per il gruppo”.

A proposito del gruppo, Buttaro pensa che con il lavoro il Palermo riuscirà a ricreare la stessa unione che c’era l’anno scorso. “Sono sicuro che con il tempo piano piano si creerà di nuovo quel gruppo che c’era – ha detto – uniti ci toglieremo delle belle soddisfazioni, l’anno scorso nessuno ci credeva, poi abbiamo fatto ricerdere tutti stando uniti e nelle difficoltà siamo riusciti a vincere”.

Sui suoi compagni di squadra, Buttaro ha raccontato con chi ha legato di più. “L’anno scorso ho avuto un bellissimo rapporto con tutti – ha detto – soprattutto coi più giovani con cui magari ci sono più affinità e ti vedi fuori dal campo per andarti a mangiare una cosa. Anche quest’anno mi sto trovando benissimo con tutti i nuovi. Mi trovo veramente bene. Chi sa sogliere i momenti di tensione? Ci sono quelli che come Brunori e Massolo, fra i compagni che già c’erano l’anno scorso, che sanno come reagire dopo una sconfitta e riescono a fare sciogliere la tensione. E poi aiuta pensare subito alla partita che verrà per superare momenti come quelli vissuti contro la Reggina”.

E a proposito della sconfitta Corini deve essersi fatto sentire negli spogliatoi. “Il mister – ha confermato Buttaro – ha i suoi modi per farti capire quando è arrabbiato e quando è tranquillo. Diciamo che sa come farsi capire”.

 

Ascolta la versione integrale dell’intervista sul podcast di Radio Time.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da Approfondimenti