Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Palermo, Segre: “City Group ambizioso, occasioni così capitano una o due volte nella vita”

Il centrocampista arrivato dal Torino ha voglia di lottare per la sua nuova maglia e ha invitato i sostenitori allo stadio per aiutare i rosanero a mettere in difficoltà il Genoa

“È stato un impatto forte, devo tanto a questa piazza e a questa società. È stata una trattativa lunga, ma alla fine siamo riusciti a concretizzarla con i direttori Rinaudo e Zavagno. Sono felice di avere trovato il mio primo gol con questa maglia gloriosa nella mia prima partita, anche se mi dispiace per la sconfitta”. Lo ha descritto così il suo esordio con gol in maglia rosanero al Barbera Jacopo Segre, centrocampista arrivato dal Torino e andato a segno contro l’Ascoli due partite fa. “Ovviamente c’è da lavorare tanto – ha continuato Segre facendo riferimento anche alla sconfitta contro la Reggina di sabato scorso – siamo un gruppo con tanta gente nuova, ci stiamo rimboccando le maniche. Ogni giorno è importante dare massimo in allenamento per fare sempre meglio ogni fine settimana contro avversari che in una serie B come questa saranno sempre molto forti”.

Segre ha lasciato il Torino in serie A per scendere di categoria e indossare la maglia del Palermo. “Ho lasciato una maglia gloriosa come quella del Torino – ha detto il centrocampista – ma sono arrivato in una società altrettanto importante che merita palcoscenici di livello. E sappiamo che dobbiamo lavorare e lottare tantissimo per ottenerli. È una bellissima soddisfazione fare parte di questo progetto legato al City Football Group. C’è nell’aria voglia di fare bene, c’è ambizione da parte di tutti. Si deve remare tutti nella stessa direzione perché queste sono occasioni che ti capitano magari una o due volte nella vita. Siamo tutti orgogliosi, dai giocatori allo staff e penso anche i tifosi, di fare parte di questa società. Vogliamo ripagare la fiducia del City Group che ha già dimostrato tanta ambizione”.

Segre fa parte del gruppo di nuovi acquisti arrivati per alzare l’asticella della competitività della squadra e, nonostante le due sconfitte consecutive, già dalla partita contro il Genoa di venerdì tutti vogliono dimostrare che tutti possono dare il loro contributo. “Noi nuovi abbiamo una responsabilità importante – ha sottolineato il giocatore classe 1997 – ma è tutto il gruppo insieme che deve dare sempre più del 100 per cento. Dobbiamo lottare per questa maglia gloriosa e portare a casa risultati. Poi certamente gente come me Di Mariano, Stulac e Saric deve dare qualcosa in più per aiutare la squadra a raggiungere quei traguardi che società, maglia e tifosi meritano. Contro il Genoa sarà una partita bella e affascinante. I nostri avversari hanno una squadra veramente forte, costruita per vincere il campionato, ma noi ci faremo trovare pronti. Giochiamo in casa e avremo il nostro dodicesimo uomo in campo che saranno i nostri tifosi. A loro chiedo di venire allo stadio, bisogna lottare insieme. Rispetto il Genoa e gli avversari come sempre, ma daremo battaglia fino all’ultimo minuto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da Approfondimenti