Resta in contatto

Le pagelle di Calcio Rosanero

Palermo-Genoa, le pagelle: Pigliacelli chiude tutto, Brunori lascia il segno, male solo Mateju

I rosanero tornano alla vittoria grazie al gol del bomber, il portiere decisivo nel primo tempo e sul finire di partita, il terzino sbaglia tutto

Pigliacelli 7: A volte non legge bene le situazioni sulla costruzione dal basso e regala palla agli avversari, ma i suoi riescono a metterci una pezza. Decisivo sul finire di primo tempo su Jagiello che aveva angolato bene il tiro alla sua sinistra. Decisivo nella ripresa e sul finire sull’ex Puscas.

Buttaro 6,5: Si domanda troppe volte con Elia se debba andare lui o il compagno sui palloni vaganti, in chiusura è una sicurezza e accompagna l’azione. Nel secondo tempo è più sicuro in difesa, in anticipo, in chiusura anche quando Corini lo dirotta in mezzo nel 5-3-2 finale.

Nedelcearu 6: Ha la media più alta di passaggi riusciti, ma dà sempre il pallone a Pigliacelli al suo fianco migliorando la sua statistica. Non forza mai la giocata. In chiusura torna ad avere l’attenzione delle prime uscite e sbaglia poco.

Marconi 7: Prova a giocare in anticipo, a volte ci riesce altre finisce per farsi attrarre dagli uno-due degli avversari. Bravo a farsi sentire con l’esperienza. Nel secondo tempo le prende tutte.

Mateju 4,5: Sbaglia tutto quello che può nella scelta dell’intervento e nell’appoggio al compagno. Dal 44’ st Sala SV.

Segre 6,5: Prova a lasciare la sua firma sul tabellino con una conclusione al volo, coraggiosa ma imprecisa. Corre a tutto campo, dimostra di essere in crescita. Ha sette polmoni, li usa tutti ed è prezioso.

Stulac 6,5: Cerca sempre di trovare il compagno libero, ma a volte temporeggia un po’ troppo e finisce per mandare fuori giri tutti, ma sono più gli effetti positivi che quelli negativi. Dal 38’ st Gomes SV.

Saric 6: Prova a costruire e giocare fra le linee. Bene in fase di costruzione, ma quando perde palla è un uomo in più per gli avversari. Fortuna vuole che il Genoa non ne approfitti. Dal 15’ st Damiani 6: Viene chiamato a fare legna con la squadra in vantaggio, non tira indietro la gamba.

Elia 6,5: Corre tanto e gli capita anche di essere più veloce del pallone facendo sfumare un paio di contropiedi veloci. Nel secondo tempo è più concreto e utile, anche quando Corini lo mette terzino destro alla fine.

Brunori 7: Sui suoi piedi una delle palle gol più ghiotte del primo tempo, si libera bene al tiro, ma trova il portiere del Genoa attento e pronto a respingere di pugno. Serve un pallone splendido per Di Mariano. Segna il gol del vantaggio rosanero, spreca un paio di occasioni allo scadere, ma non gli si può proprio chiedere di più. Dal 44’ Vido SV.

Di Mariano 6: Come a Reggio Calabria, sullo stesso lato e con il pallone dalla destra, calciato questa volta da Brunori, arriva di piatto destro al volo e calcia malamente fuori. Non era facile, ma nemmeno impossibile. Perde un paio di palloni sanguinosi. Nel secondo tempo cresce, ma poi la fatica si fa sentire. Dal 38’ st Soleri SV.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da Le pagelle di Calcio Rosanero