Resta in contatto
Sito appartenente al Network

RosaNero - Il Personaggio

Palermo, Stulac: “Il calcio che vuole Corini è lo stesso che ho in mente io, con lui ci capiamo al volo”

Il regista intervistato dal Corriere dello Sport racconta le peculiarità del suo ruolo (“che purtroppo, peccato, sta scomparendo”) e racconta le sue sensazioni sul mondo rosanero

Il regista del Palermo Leo Stulac ha rilasciato un’intervista a tutto campo al Corriere dello Sport. Ecco un estratto con le considerazioni che riguardano i rosanero. “Il regista è un ruolo che sta scomparendo? – dice Stulac – È vero, purtroppo. E mi permetto di dire che è un peccato. Qualsiasi squadra avrebbe bisogno di un buon regista. Uno come Andrea Pirlo. È sempre stato il mio modello: la visione di gioco, la precisione dei passaggi. Non ricordo come stesse in campo il mio allenatore Corini, però mi rendo conto quando parliamo che mi capisce al volo. E io capisco lui. Quando il Palermo mi ha chiamato ho capito subito che sarei entrato in un progetto molto bello. Il calcio di Corini è lo stesso che ho in mente io”.

A proposito della serie B che sta affrontando, Stulac ha detto che serve più grinta che in A. “Di sicuro in A c’è una qualità maggiore – dice il regista – In B bisogna arrivare mentalmente preparati a cambiare il modo di muoversi, aspettarti un impegno psicofisico più intenso. Qui non si gioca a calcio tanto quanto vorremmo. Sono più battaglie che partite. Proprio per questo è un campionato molto difficile. Con il lavoro quotidiano riusciremo a venirne a capo. Senza stare troppo a pensare agli obiettivi che ottieni e a quelli che ti sfuggono. I bilanci si fanno solo alla fine del torneo”.

Nell’intervista Stulac ha parlato anche del ritiro di Manchester. “Mi ha colpito l’organizzazione – sottolinea Stulac – Secondo me è la base di qualsiasi storia di successo. Sarà per la mia impostazione mentale: io in campo sono un organizzatore. Dateci un po’ di tempo per costruire il gioco da cima a fondo. So che il Palermo vuole la Serie A, quest’anno o il prossimo. Il modo migliore per farcela è non pensarci. A Empoli non ci pensavamo e abbiamo vinto il campionato”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da RosaNero - Il Personaggio

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.