Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Fabio Lupo: il Palermo è il più accreditato a vincere il campionato

Il doppio ex racconta il suo derby del cuore: ‘Pescara giovane e pieno di grinta, può arrivare in fondo pur essendo inferiore ai rosanero, il cui segreto… si chiama Stellone’

Il big-macht Palermo-Pescara, andato in scena domenica sera al Barbera, è stato per Fabio Lupo, ex direttore sportivo del Palermo, quasi un derby del cuore. Il capoluogo abruzzese è infatti la città natale e il comune di residenza dell’ex dirigente rosanero, che intervenuto ai microfoni di Radio Time di Palermo,  ha parlato della gara fra le due prime della classe.

Di derby ne ho vissuti tanti – ha dichiarato – Pescara è la mia città. Nel passato ci sono state diverse squadre dove ho lavorato che hanno sfidato il Pescara. Diciamo che sono abituato. Effettivamente ieri ero molto curioso di come andasse a finire la partita, per ragioni tecniche e di cuore, ma ho visto la partita a sprazzi stamani  perchè, per importanti impegni di lavoro, non ho potuto vedere la partita in diretta. E’ stata la partita che mi aspettavo, il Pescara ha dato filo da torcere, una gara combattuta fino alla fine. La squadra di Pillon poteva pareggiare, ma il Palermo è stato bravo a chiuderla. Credo che la squadra rosanero sia la più accreditata a vincere il campionato. Il Pescara sta funzionando è allenata da un buon tecnico ed ha un organico giovane e pieno di grinta. Se dovesse mantenere questi equilibri potrebbe recitare un ruolo da protagonista’’.

Per raggiungere gli obiettivi però è fondamentale uno spogliatoio unito.

‘’Io ho vinto campionati in spogliatoi dove nemmeno ci si salutava- ha raccontato Lupo –  In passato ci sono squadre che hanno vinto con spogliatoi divisi. Ad esempio il famoso scudetto vinto dalla Lazio, dove si diceva in giro che molti giocatori neanche si parlavano tra loro. Io non credo tantissimo in un gruppo compatto. Però bisogna essere leali, credo molto in questo. Ma più che di gruppo compatto, vorrei che in uno spogliatoio ci fosse un gruppo di uomini’’.

Subentrati dalla panchina Murawski e Moreo sono risultati determinanti, una soddisfazione per chi li ha fortemente voluti a Palermo.

‘’Sono molto contento per Rado – ha confessato l’ex ds –  ma sono molto legato a tutto questo gruppo. Rado meritava questa soddisfazione, quest’anno sta trovando un pizzico di spazio in meno ma quando ha l’opportunità fa vedere subito quanto vale. Sono anche contento per Moreo, quest’anno potrà dare un grosso contributo alla squadra, è un ragazzo in gamba. Ma il segreto di questo Palermo credo sia il lavoro di Stellone, Roberto è un ragazzo molto intelligente, molto pratico. Anche fisicamente, sullo spogliatoio, sui giocatori. Si sa fare valere. E’ stato anche mio giocatore quando ero a Torino. Credo sia stato questo e sia questo il segreto che ha con i giocatori dello spogliatoio’’.

Palermo sempre nel cuore, un legame con Fabio Lupo breve ma intenso, di quelli che non si dimenticano:

‘’Mi fa molto piacere che i tifosi a Palermo mi ricordino bene – ha concluso Lupo io certo non mi dimenticherò loro. Nel mio futuro, non c’è nulla di concreto ancora, mi tengo sempre aggiornato, pronto. Non ho fretta, ho voglia di un luogo dove poter stare bene’’.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News