Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Belotti tra i ricordi: “Che attacco in quel Palermo!”

Le parole dell’attaccante del Torino che ricorda l’esperienza in rosanero: “Lafferty aveva fatto tredici gol, Hernandez diciassette, io dieci, Vazquez otto e Dybala cinque o sei”

In un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, Andrea Belotti si racconta. L’attaccante del Torino, a Palermo per due stagioni dal 2013 al 2015, ricorda il momento del passaggio in maglia rosanero: “Mi ricordo che era estate e io ero alla festa di paese, mio papà cucinava alla griglia, mia mamma faceva le insalate… Mi chiamano: “Vieni al centro sportivo dell’AlbinoLeffe perché andiamo a Palermo e devi firmare”. L’ho detto velocemente ai miei e sono partito, senza nemmeno pensarci”.

“Mamma aveva capito che sarei dovuto partire – racconta Belotti -, sarei andato via di casa. Ma era preoccupata, perché andavo a Palermo. Da noi bergamaschi Palermo era conosciuta solo per la mafia ma una volta è venuta giù e ha capito che c’era molto di più, che la Sicilia e i siciliani erano di più, una realtà magica”.

Belotti ricorda i compagni d’attacco di quel Palermo“Nel primo anno a Palermo penso che ci sia stato uno degli attacchi più forti di sempre. C’erano Dybala, Vazquez, io, Hernandez e Lafferty. Lafferty aveva fatto tredici gol, Hernandez diciassette, io dieci, Vazquez otto e Dybala cinque o sei”.

Con la maglia del Palermo ha fatto il suo esordio in Serie A, ma nella memoria di Belotti è rimasta impresso quel campionato di Serie B“È stata più bella la Serie B. La Serie A meno perché non giocavo molto. Avevo fatto il record di subentri, 27 in un campionato. Entravo magari alla fine e facevo gol al 90’, vincevamo la partita. La partita dopo ripartivo dalla panchina. Non riuscivo mai a capire perché non avessi quello spazio in più. Poi cresci e capisci la complessità del calcio, capisci la quantità di scelte che un tecnico deve fare, di quante variabili deve tenere conto…”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da News