Calcio Rosa Nero
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Palermo, la proprietà insiste: “Noi non insolventi, diffidiamo chiunque”

Con una nota inviata dalla Arkus Network per conto di tutte le società controllate, Tuttolomondo minaccia azioni legali contro chi racconta fatti certificati dagli organi di controllo competenti

Arkus network group e sue partecipate, con Sporting network Srl e U.S. Citta’ di Palermo S.p.a, in relazione agli articoli di stampa, cartacea ed on-line, di questi giorni, ulteriormente diffidano chiunque, a qualsiasi titolo, dal continuare a diffondere notizie non rispondenti al vero ed in particolare circa asserite condizioni di insolvenza del Palermo di talché propagandando l’inveritiera insorgenza di reati fallimentari“. Comincia così una nota diffusa dalla Arkus Network in cui la proprietà del Palermo ribadisce le proprie buone intenzioni nonostante la Covisoc abbia escluso dal campionato di serie B il club per inadempienze amministrative. La proprietà del Palermo, come documentato dalla Commissione di vigilanza sulle società di calcio, non ha pagato gli stipendi ai calciatori, non ha saldato debiti sportivi, non ha presentato la fideiussione per l’iscrizione al campionato e ha saldato alcuni debiti con crediti non certificati.

Tali, per quanto del tutto ingiustificate, allarmistiche notizie – scrive nella nota la proprietà del Palermo – inducono in errore la pubblica opinione, cosi contribuendosi ad alimentare giudizi non lusinghieri ed ingiustificate reazioni, ed ingenerano rilevanti danni patrimoniali e di immagine per tutte le società arbitrariamente coinvolte, che annunciano di andare a rivalersi in tutte le sedi nei confronti di chiunque pone e ponga in essere condotte illecite e dannose a proprio discapito, senza riserva alcuna“.

Nonostante in tribunale penda ancora una richiesta di commissariamento e la società sia già stata esclusa dal campionato di serie B dalla Covisoc, la proprietà “precisa e conferma che la Us Città di Palermo Spa – si legge – malgrado non faccia piacere a tanti, è tutt’ora vigente e, al pari dei suoi amministratori, nel pieno e libero esercizio della propria attività e proseguirà con le opportune iniziative ed azioni, come consentito e previsto dall’ordinamento sportivo e nazionale, per l’affermazione del proprio diritto a partecipare al prossimo campionato professionistico di competenza. Non è consentito esprimere affermazioni diffamatorie e lesive dell’immagine della Us Città di Palermo Spa e del gruppo di riferimento, salvo risponderne in sede civile e penale ed in termini di risarcimento dell’ingiusto danno procurato“.

Subscribe
Notificami
guest

16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il Palermo attacca, ma la Ternana non guarda. Il destro di Pereiro sorprende, ma Lund...
L'ultimo a riuscire nel filotto è stato Mangia in Serie A, all'inizio della stagione 2011/12....

Dal Network

Breda potrebbe attuare un turnover, possibili variazioni nell'undici di base....
Il tecnico delle Fere lavora in silenzio, nel ritiro siciliano, per preparare la delicatissima sfida...
Sono 24 i giocatori a disposizione del tecnico della squadra avversaria....
Calcio Rosanero