Resta in contatto

News

Pelagotti: «Ecco quale traguardo voglio raggiungere con il Palermo»

Il portiere rosanero si racconta al Corriere dello Sport parlando degli obiettivi che vuole raggiungere con la maglia rosanero, dei baby Lucca e Rauti ma anche del campionato

Unico giocatore ad aver disputato tutte le 17 partite giocate dal Palermo quest’anno, Alberto Pelagotti è anche tra i giocatori protagonisti della promozione dei rosanero dalla Serie D.

PALERMO, CON IL NUOVO MODULO SI FATICA SOTTO PORTA

Intervistato dal Corriere dello Sport, il numero uno rosanero ha così commentato:

«L’anno nuovo è nato al meglio, però se parlo di obiettivi, faccio autocritica, ancora siamo indietro. Rauti e Lucca ci danno una mano? Non li considero ragazzini con poca esperienza, sono giocatori veri, spesso hanno tolto le castagne dal fuoco. Per ambizione non ci superano, noi vecchietti ne abbiamo di più, ci stiamo giocando una fetta importante della carriera».

In merito alle molte occasioni sprecate sotto porta in questa stagione dal Palermo, Pelagotti ha così dichiarato:

«Palermo frenetico e sciupone? Non mi va di parlare del vecchio anno, analizziamo la partita con la Cavese: non è risultata semplice, bisogna sfruttare meglio le occasioni, esserci sotto porta. In compenso ci abbiamo provato con testardaggine ed è arrivato il gol, sia pure ai titoli di coda. Per il resto, siamo essere umani».

In merito agli obiettivi:

«Ho ancora due stagioni di contratto, il traguardo non è la C o la B, ma arrivare in A. Sono venuto per questo. Non sarà facile, ce la faremo. Serie B quest’anno con i play-off? Nella mia testa “malata” sono convinto di non aver perso la possibilità del primato, voglio godermi il film fino all’ultimo. Anche gli altri sbaglieranno!».

Un commento anche su Bari e Ternana, prima e seconda forza del campionato di  Serie C nel girone C:

«Se possono mollare? Non smetterò di sognare: quando diranno che la Ternana è aritmeticamente in B, mi metterò il cuore in pace e si ripiegherà sui play-off, l’altra strada per arrivare alla promozione».

Infine un commento anche sulla Virtus Francavilla, prossima avversaria del Palermo:

«In casa, vietato ormai rubarci la “merenda” (ride,ndr). Per essere il vero Barbera, stadio di cui mi sono innamorato da avversario, mancano ancora i tifosi. Comunque non intendiamo fermarci».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News