Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Palermo, Tutino: “Spero un giorno di giocare in Serie A con questa maglia”

Il nuovo attaccante rosanero è arrivato dal Parma e ha debuttato nella vittoria contro il Bari venerdì sera nell’anticipo del campionato di Serie B

“Penso che il mio esordio sia stato fortunato, quando sono entrato la squadra già stava spingendo e sono riuscito a dare un piccolo contributo con quel liscio. Poi Marconi è stato bravo a fare gol. Sono contentissimo”. Non nasconde la sua gioia Gennaro Tutino, nuovo giocatore del Palermo arrivato la settimana scorsa dal Parma e subito in campo venerdì sera nell’anticipo di serie B contro il Bari al Barbera. Tutino è entrato nell’azione del gol vittoria di Marconi cercando di colpire il pallone in acrobazia, mancando però l’impatto con la sfera e permettendo così al compagno di squadra di segnare.

“Sono felice per l’esordio con vittoria – ha continuato l’attaccante ventiseienne – ci voleva proprio questo risultato contro una squadra forte come il Bari. Il fatto che sia arrivato su un campo difficile per le condizioni del terreno di gioco bagnato mi riempie ancora più di soddisfazione. La scelta di Palermo? Per me è stata facile, avevo l’intenzioni di andare via da Parma per diversi motivi. Quando ho saputo che c’era la possibilità di venire qui non ho esitato un attimo. Rispetto alle altre possibilità che avevo Palermo era la piazza che volevo di più”.

Nonostante un impiego con una certa continuità a Parma, per Tutino le cose in giallobu non andavano più come prima. “Giocavo spesso,  vero – ha spiegato – ma la mia scelta è stata più per una questione tattica che per altri motivi, vorrei gicoare nel mio ruolo che è quello di seconda punta. Quando c’è stata la possibilità con le chiamate di Rinaudo e Corini ho scelto subito, Palermo per me è una grande opportunità. Spero un giorno di giocare in Serie A con il Palermo”.

Nella formula del trasferimento di Tutino è previsto l’obbligo di riscatto per i rosanero in caso di promozione in serie A del Palermo. “Io mio obiettivo – ha detto Tutino – è ovvio che sia quello di fare il meglio possibile, anche per il tipo di trasferimento che ho con questa modalità. Voglio farmi apprezzare e puntare e rimanere qui anche l’anno prossimo. Per me è importante sentire la fiducia di Corini, sono consapevole che ho una grande opportunità in una città con una squadra che ha una storia di oltre 120 anni con una delle proprietà migliori al mondo”.

A Parma Tutino ha diviso lo spogliatoio con un ex rosanero doc, Franco Vazquez. “Ho avuto il piacere di lavorare con lui per un anno e mezzo – ha concluso Tutino – quando ha saputo che c’era per ma la possibilità di venire a Palermo mi ha parlato e vedevo che aveva gli occhi innamorati. Mi ha detto che ha vissuto qui momenti bellissimi. Mi parlava della città con emozione, mi ha detto che mi troverò bene. Viveva a Mondello e mi ha dato due o tre consigli parlandomi molto bene di tutto. L’accoglienza è stata ottima, figuratevi che sono andato a mangiare fuori già tre volte e ancora non sono riuscito a pagare una volta”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rosanero

Il portiere romagnolo diventato subito idolo

Alberto Fontana

II portiere che parava i rigori studiando alla Playstation

Marco Amelia

Il primo portiere del Palermo in A 32 anni dopo l’ultima volta

Matteo Guardalben

Altro da Approfondimenti